La più grande notizia sui social media della settimana è stata “The Facebook Files“, una selezione di documenti interni che rivelano varie indagini sugli impatti sociali del Social Network, come riportato dal Wall Street Journal.

La serie completa di Facebook Files è disponibile qui, e vale la pena leggere per chiunque sia interessato all’impatto dei social media più in generale, ma in sintesi, le scoperte chiave dei rapporti sono:

  • Facebook ha un sistema in atto che sottopone gli utenti di alto profilo a un processo di revisione diverso da quello degli utenti regolari
  • Studi commissionati da Facebook hanno ripetutamente trovato che Instagram può avere impatti dannosi sulla salute mentale degli utenti
  • L’aggiornamento dell’algoritmo “Famiglia e Amici” di Facebook nel 2018, progettato per ridurre l’angoscia sulla piattaforma, in realtà ha aumentato la divisione
  • Facebook non sta facendo abbastanza per affrontare i potenziali danni che sta causando nei paesi in via di sviluppo
  • Gli attivisti anti-vaccini hanno usato Facebook per seminare dubbi e diffondere paure sull’impiego del vaccino COVID-19

Nessuna di queste rivelazioni di per sé è qualcosa di conosciuto – chiunque abbia fatto qualsiasi ricerca su Facebook e i suoi algoritmi sarebbe consapevole dei danni che può, e ha causato nel tempo, e Facebook stesso ha detto che sta affrontando tutti questi elementi, ed evolvendo i suoi strumenti in linea con i suoi risultati interni.

Ma ciò che è interessante dei file di Facebook è la rivelazione di ciò che Facebook stesso sa in realtà, e ciò che i suoi dati hanno mostrato per quanto riguarda questi impatti, che suggerisce anche che potrebbe fare di più per affrontarli

Sta esitando a causa delle preoccupazioni sugli impatti commerciali? Questa è la linea di fondo dell’indagine del WSJ, che Facebook sa che sta causando un danno diffuso alla società, e amplificando gli elementi negativi, ma è stato lento ad agire su questo perché potrebbe danneggiare l’uso.

Ad esempio, secondo i documenti trapelati, Facebook ha implementato il suo aggiornamento dell’algoritmo News Feed “Amici e famiglia” nel 2018 al fine di amplificare l’impegno tra gli utenti, e ridurre la discussione politica, che era diventata un elemento sempre più divisivo nell’app. Facebook ha fatto questo assegnando punti per diversi tipi di impegno con i post.

Facebook post scoring in algorithm update
  • Save

Come si può vedere in questa panoramica, i Mi piace sono stati assegnati 1 punto ciascuno, con altri tipi di reazione che garantivano 5 punti, insieme ai re-shares, mentre i commenti hanno guidato un valore molto più alto, con commenti “significativi” che guadagnavano 30 punti (i commenti non significativi valevano 15 punti). Più alto è il valore totale di ogni post, più è probabile che veda una maggiore portata, poiché Facebook ha usato questo punteggio per determinare una maggiore rilevanza tra le connessioni.

L’idea era che questo avrebbe incentivato più discussioni, ma come si può immaginare, l’aggiornamento ha invece spinto più editori e media a condividere post sempre più divisivi e carichi di emozioni, al fine di incitare più commenti e reazioni, e ottenere punteggi di condivisione più elevati per il loro contenuto. I “mi piace” non erano più il driver chiave, il cambiamento di Facebook ha reso i commenti e le reazioni (come “arrabbiato”) molto più preziosi, quindi scatenare la discussione intorno alle tendenze politiche è diventato effettivamente più importante, ed ha esposto più utenti a tali contenuti nei loro feed.

Il che evidenzia un altro dei problemi fondamentali di Facebook, che amplifica l’esposizione a opinioni politiche che si potrebbe non aver mai conosciuto. Potresti non avere, per esempio, alcuna idea che il tuo ex collega è anche un teorico della cospirazione della terra piatta, ma Facebook te lo mostra, che poi, inevitabilmente, spinge ogni persona più a favore o contro ogni questione, essenzialmente spingendo più persone a prendere posizione.

Facebook sapeva che questo stava accadendo, che il cambiamento stava causando un aumento della divisione e delle discussioni come risultato, la sua ricerca interna lo ha dimostrato. Ma ha invertito la rotta sulla sua decisione?

Secondo il WSJ, il CEO di Facebook Mark Zuckerberg ha resistito alle richieste di cambiare rotta con l’algoritmo ancora una volta, perché l’aggiornamento aveva portato a più commenti, affrontando un declino a lungo termine nel coinvolgimento in-app.

Facebook engagement decline
  • Save

Dato che Facebook è utilizzato da circa 2,9 miliardi di persone, e ha probabilmente la più grande influenza di qualsiasi piattaforma nella storia, intuizioni come questa sono una grande preoccupazione, in quanto suggeriscono che Facebook ha attivamente preso decisioni basate sul business su questioni relative al danno sociale. Il che, di nuovo, non è una grande sorpresa – Facebook è, dopo tutto, un business per fare soldi. Ma l’influenza e il potere che la piattaforma ha per guidare le tendenze del mondo reale è troppo significativo per ignorare tali impatti – e questo è solo uno degli esempi evidenziati nella relazione del WSJ.

Altre rivelazioni riguardano l’impatto di Instagram sui giovani utenti:

“Il 32% delle ragazze adolescenti ha detto che quando si sentivano male con il loro corpo, Instagram le faceva sentire peggio […] Gli adolescenti incolpano Instagram per l’aumento del tasso di ansia e depressione. Questa reazione è stata spontanea e coerente in tutti i gruppi”

Instagram sta facendo di più per fornire più protezione e supporto nel tempo, ma ancora una volta, l’impatto, l’effetto del mondo reale qui è significativo.

Poi c’è il modo in cui la piattaforma influenza le risposte delle persone agli eventi di notizie chiave, come, ad esempio, il lancio del vaccino COVID-19.

Il 41% dei commenti sui post in lingua inglese relativi ai vaccini rischiava di scoraggiare le vaccinazioni. Gli utenti vedevano i commenti sui post relativi ai vaccini 775 milioni di volte al giorno, e i ricercatori di Facebook erano preoccupati che la grande proporzione di commenti negativi potesse influenzare la percezione della sicurezza del vaccino”

A differenza della maggior parte delle altre imprese, le decisioni di Facebook possono spostare significativamente la percezione del pubblico, e portare a danni nel mondo reale, su vasta scala.

Di nuovo, lo sappiamo, ma ora sappiamo anche che anche Facebook lo fa

La preoccupazione, andando avanti, è come si muoverà per affrontare questo, e se l’approccio che ha preso finora, nel lavorare per mantenere tali rivelazioni dal pubblico, e anche lasciando cambiamenti dannosi in atto per promuovere i suoi interessi commerciali, sarà il modo in cui continuerà ad operare.

Non abbiamo nessuna idea di come Facebook operi, dato che non è un servizio pubblico. Ma allo stesso tempo, lo è davvero. Circa il 70% degli americani ora si affidano alla piattaforma per i contenuti delle notizie, e come mostrano questi approfondimenti, è diventata una fonte di influenza fondamentale sotto molti aspetti.

Ma allo stesso tempo, Facebook è un business. La sua intenzione è quella di fare soldi, e questo giocherà sempre un ruolo chiave nel suo pensiero

È questo un percorso sostenibile per una piattaforma così grande, specialmente se continua ad espandersi in nuove regioni in via di sviluppo e in tecnologie più coinvolgenti?

The Facebook Files solleva alcune domande chiave, per le quali non abbiamo ancora delle vere risposte.

Potete leggere l’intera serie ‘Facebook Files’ del Wall Street Journal qui.

Leggi di più su Social Media Today

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link