In un periodo di grandi cambiamenti, sulla scia della pandemia (siamo già sulla scia?), LinkedIn afferma che quasi la metà dei dipendenti sta considerando di cambiare ruolo nel 2022, per rivalutare le proprie opzioni.
Se si considera anche il passaggio al lavoro da casa e l’evoluzione delle aspettative dei dipendenti più giovani, è chiaro che le persone cercano di ottenere di più dai loro ruoli quotidiani e che lo scopo e la flessibilità sono ormai considerazioni fondamentali per trattenere i migliori talenti. In quest’ottica, LinkedIn ha pubblicato una nuova guida sull’employer branding, che include una serie di note su come massimizzare il proprio appeal online.
La guida, di 8 pagine, contiene note su quali tipi di contenuti possono contribuire ad aumentare l’appeal nei confronti dei potenziali candidati nelle diverse fasi del percorso.

LinkedIn Brand to Demand Employer Branding guide
  • Save

È presente anche un esempio di roadmap del percorso di interesse di un potenziale candidato, che sottolinea ulteriormente la necessità di diversi tipi di contenuti e di collaboratori nel processo.

LinkedIn Brand to Demand Employer Branding guide
  • Save

L’ultima sezione della breve guida esamina il modo in cui i brand stanno riscontrando successo con l’employer branding su LinkedIn, fornendo indicazioni più tangibili basate su queste note.

LinkedIn Brand to Demand Employer Branding guide
  • Save

Si tratta di una panoramica pratica e veloce, che potrebbe aiutarvi a pensare non solo a essere più proattivi con i vostri sforzi di employer branding, ma anche a come implementarli all’interno di una più ampia strategia di digital outreach. La vera chiave, naturalmente, è la trasparenza e l’evidenziazione dei vantaggi di far parte del vostro percorso di branding. A tal fine, è necessario disporre di una sana cultura interna del marchio, in modo che i vostri attuali dipendenti siano felici di fare da portavoce a vostro favore.

La guida di LinkedIn può essere utile per fornire alcuni suggerimenti in merito. È breve e gratuita. Vale la pena di dare un’occhiata per trarre ispirazione. Potete scaricare la guida di LinkedIn sul branding per i datori di lavoro “Brand to Demand” qui

Leggi di più su Social Media Today

Annunci

Leave a Reply

Share via
Copy link