Microsoft ha sospeso la pubblicità su Facebook e Instagram, diventando così l’ultimo grande marchio a tagliare le spese di marketing sui social network.

Microsoft ha interrotto la sua pubblicità sulle piattaforme dei social media negli Stati Uniti il mese scorso, per poi estendere la sospensione a livello globale, Axios prima riportato, citando una trascrizione di una chat interna.

“Sulla base delle preoccupazioni che avevamo già avuto a maggio, abbiamo sospeso tutte le spese per i media su Facebook/Instagram negli Stati Uniti, e successivamente abbiamo sospeso tutte le spese per Facebook/Instagram in tutto il mondo”, ha scritto Chris Capossela, chief marketing officer di Microsoft, in un post di Yammer.

Capossela, tuttavia, ha anche detto che Microsoft è stata in contatto con Facebook e Instagram su quello che ci vorrebbe per l’azienda per riprendere la pubblicità sul social network.

“La linea temporale per la ripresa della nostra spesa mediatica dipende dalle azioni positive che intraprendono, ma mi aspetto che la nostra pausa continui fino ad agosto”, ha scritto Capossela.

Un portavoce ha confermato il rapporto di Axios a Digital Trends, ma si è rifiutato di commentare ulteriormente.

La mossa di Microsoft ha preceduto la campagna Stop Hate for Profit, una boicottaggio pubblicitario contro Facebook che è stato lanciato in risposta a come il social network ha ricevuto l’incarico dal presidente Donald Trump sulle proteste di Minneapolis scatenate dall’omicidio di George Floyd. Da allora la campagna si è ampliata fino a includere Unilever e Verizon.

Coca-Cola e Starbucks hanno anche messo in pausa tutta la pubblicità sui social media a causa del razzismo e dei discorsi di odio su…


Leggi di più su: www.digitaltrends.com

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link