0


 

Un nuovo rapporto dell’organizzazione di vigilanza il Progetto Trasparenza Tecnica sostiene che Facebook ha fallito in una promessa di repressione del cosiddetto “Movimento Boogaloo“a causa di una risposta lenta e inefficace.

Il Movimento Boogaloo è una rete sciolta di gruppi di social media affiliati al potere bianco che chiedono una seconda guerra civile, o sono molto sicuri che una di queste stia per scoppiare. Secondo il Centro di Diritto della Povertà del Sud iIl termine Boogaloo oggi è “regolarmente utilizzato dai nazionalisti bianchi e dai neonazisti che vogliono vedere la società scendere nel caos per arrivare al potere e costruire un nuovo stato fascista”. Il termine “boogaloo” è stato cooptato dal famigerato film del 1984 “Breakin’ 2: Electric Boogaloo”.

Facebook ha annunciato il 30 giugno che tutti i gruppi affiliati al network Boogaloo sarebbero stati banditi, e ha detto in un post sul blog che da quel giorno il social network ha rimosso “220 Facebook accounts, 95 Instagram accounts, 28 pagine e 106 gruppi che attualmente compongono la rete”.

Secondo il Tech Transparency Project e come riportato anche da The Verge Dal 30 giugno sono stati creati circa 110 nuovi gruppi Facebook legati a Boogaloo. Molti di questi gruppi avevano più di 1.000 membri, ha detto il rapporto.

Questi nuovi gruppi si sono in molti casi ridisegnati, nascondendosi dietro i nomi di spettacoli popolari per ragazzi come Stagione Aperta cambiando il nome del loro gruppo per imitare i nomi dei principali media, o usando parole che suonano simili a “Boojahideen”, o “Big Luau”, in modo da essere indecifrabili per gli estranei, ma comunque…


Leggi di più su: www.digitaltrends.com

Annunci

Leave a Reply

×

Benvenuto!

Ciao. Clicca sull'icona dell'operatore per aprire una chat.

×
Share via
Copy link